Probabilmente non lo è. Il presidente russo, quando si trova di fronte a una grave battuta d'arresto, tende normalmente a inasprire i toni, quindi non sta agendo in modo anomalo. Tuttavia, è chiaramente male informato dai suoi stessi generali, o semplicemente non li ascolta.

L'idea che 300.000 riservisti (con un addestramento militare limitato ad anni fa) e specialisti tecnici di vario tipo (senza alcuna esperienza militare) possano essere trasformati in un'utile forza combattente in un paio di settimane, o addirittura in un paio di mesi, è bizzarra. Dimostra quanto Putin sia ignorante in materia di affari militari.

L'esercito russo non ha l'equipaggiamento per armare tutte queste persone, e nemmeno un numero sufficiente di addestratori che non siano già al fronte per trasformarli in veri soldati. Quando questi coscritti, per lo più riluttanti, saranno immessi in modo frammentario in un esercito già demoralizzato, peggioreranno ulteriormente il caos.

Poi ci sono i "referendum". Dopo aver rinviato i piani per organizzare referendum sull'adesione alla Russia nelle quattro province che controlla in parte, Putin li ha improvvisamente rimessi in programma dopo le grandi avanzate ucraine di metà settembre. Le votazioni sono iniziate venerdì scorso nelle parti occupate dalla Russia delle province di Luhansk, Donetsk, Zaporizhzhiya e Kherson.

Soldati russi armati sono andati di porta in porta con le urne, chiedendo se la gente volesse unirsi alla Russia. I soldati hanno scritto le risposte (una per tutta la famiglia) e poi le hanno messe nella scatola.

L'idea era già pronta; la domanda è perché ci si sia preoccupati di questa farsa. Ovviamente Putin aveva bisogno di distrarre i russi dal recente disastro militare, ma potrebbe anche aver avuto un'altra ragione per affrettare il voto e annettere tutte le terre ora in mano alle sue truppe.

Se le regioni conquistate diventassero "territorio russo", potrebbe affermare che qualsiasi ulteriore tentativo dell'Ucraina di riconquistarle sarebbe un attacco alla Russia stessa. Gli ucraini ovviamente ignorerebbero questa fandonia legale, ma ciò gli consentirebbe (secondo le regole russe) di avviare l'uso di armi nucleari.

Putin sa che l'Occidente conosce il funzionamento delle regole russe sulle armi nucleari, quindi spera che questo renda più plausibili le sue minacce di guerra nucleare. Probabilmente non sarà così, ma cosa si ottiene quando si chiama il bluff di un uomo che non bluffa?

Forse ora sta solo sfruttando la sua reputazione e questa volta sta davvero bluffando, ma non ha senso seguirlo in questa buca. Consideriamo ciò che sappiamo con certezza.

La Russia sta perdendo la guerra in Ucraina, anche se lentamente, e ci sono poche possibilità che il suo esercito possa ribaltare la situazione. Altri 300.000 coscritti mal addestrati e risentiti non faranno molta differenza quando il contenitore in cui devono essere versati, l'esercito russo, è già rotto.

La posizione di Putin e forse la sua vita sono a rischio se ci sarà un'altra grande vittoria ucraina. Forse non se ne rende ancora conto, ma alla fine capirà che la sua sopravvivenza dipende da una pace negoziata che non umili completamente lui e la Russia - ad esempio, un cessate il fuoco che riporti entrambe le parti alle linee di cessate il fuoco precedenti al 2014.

Il suo problema sarà che gli ucraini sono pieni di fiducia al momento e non sono inclini a concedergliela. Rivogliono tutto il territorio rubato e l'unica leva che potrebbe far cambiare loro idea (e ai loro sostenitori occidentali) è un attacco nucleare all'Ucraina.

Solo una piccolissima arma nucleare "tattica" (di portata inferiore ai kilotoni), da consegnare su un territorio scarsamente popolato o al largo delle coste ucraine. Non potrebbe essere di più, perché i generali della catena di comando russa non accetterebbero ordini per un attacco più grande che potrebbe scatenare una guerra nucleare totale. Saranno anche corrotti, ma la maggior parte di loro ama le proprie famiglie.

Potrebbero però optare per una sola testata nucleare, soprattutto se Putin riuscisse a convincerli che si tratta di una manovra diplomatica ragionevolmente sicura, volta a costringere gli ucraini o addirittura la NATO al tavolo dei negoziati. Cosa dovrebbero fare queste ultime parti se ciò accadesse?

Il fatto chiave da tenere a mente è che gli stessi generali russi probabilmente non si aggraverebbero ulteriormente se la NATO non desse una risposta nucleare a quella singola testata russa. Aspetterebbero che il terrore e la repulsione che si diffondono in Russia e in ogni altro Paese facciano cadere Putin.

Posso garantire che ciò accadrebbe? Certo che no, ma probabilmente le cose andrebbero così. E cosa si perderebbe aspettando di vedere se accadesse?