Esistono tre tipi di caprifoglio: rampicanti, arbusti e a cespuglio. I tempi di fioritura variano a seconda della varietà, ma possono andare da marzo a settembre o fino a ottobre, e hanno un profumo intenso e dolce che attira gli impollinatori. Quello che voglio trattare oggi è il caprifoglio rampicante, la Lonicera japonica.

Il profumo

Sebbene sia percepibile a qualsiasi ora del giorno, il profumo del caprifoglio è più intenso al crepuscolo e il suo aroma può permeare l'aria con una fragranza inebriante. Nella sua patria d'origine, il Giappone e la Corea, il caprifoglio è infatti impollinato da falene notturne. È interessante notare che anche le nostre falene autoctone qui in Portogallo sono impollinatori di questa specie di grande successo.

Cresce bene in pieno sole o in ombra parziale, e una posizione più ombreggiata aiuta a tenere sotto controllo la sua crescita.

Si tratta di una pianta adattabile che si adatta bene a terreni medi e ben drenati; i terreni più secchi sono un altro elemento che limita la crescita dilagante della varietà rampicante, che è un'ottima soluzione per crescere su recinzioni, muri o come copertura del terreno.

Il rampicante si attorciglia fittamente intorno a qualsiasi struttura verticale come un traliccio, anche alla base degli alberi, e porta fiori profumati color burro, sfumati di rosa. Le viti sfumano gradualmente verso il giallo e non è raro vedere colori bianchi, rosa e gialli allo stesso tempo. I fiori producono spesso more leggermente velenose per l'uomo.

Invasività

È un rampicante aggressivo, che si sviluppa in una massa soffocante di germogli sotterranei e di fusti intrecciati in superficie che coprono vaste aree del terreno o si arrampicano sugli alberi per molti metri. Interferisce con le operazioni forestali e i frutteti e soffoca la vegetazione autoctona, impedendo i processi naturali di successione, uccidendo o indebolendo i giovani alberi e impedendo la rigenerazione delle piantine. I frutti carnosi sono diffusi da uccelli e animali e i corridori percorrono lunghe distanze sottoterra. Non può essere controllata semplicemente a mano, ma gli erbicidi sono moderatamente efficaci.

Medicine alternative

Il caprifoglio ha una lunga storia di utilizzo in Cina e in Giappone come medicina alternativa: il fiore, il seme e le foglie sono stati utilizzati come medicinali per qualsiasi cosa, dall'artrite reumatoide al comune raffreddore. La gente usa il caprifoglio per l'indigestione, le infezioni batteriche o virali, la memoria, il diabete e molte altre condizioni, ma non ci sono prove scientifiche a sostegno di questi usi. Antichi documenti parlano di bambini che succhiavano il gustoso nettare dai suoi fiori, dove si concentrano le sue proprietà medicinali. Il caprifoglio viene talvolta applicato sulla pelle in caso di infiammazioni e prurito e per uccidere i germi - ma come sempre, consultate prima il vostro medico!

In Portogallo esistono tre specie autoctone: la prima è il caprifoglio comune (Lonicera periclymenum), con fiori a tromba di colore crema che diventano giallo-arancio, spesso con una sfumatura rossa o rosa, con grappoli di bacche rosse che maturano in autunno.

Segue il caprifoglio etrusco (Lonicera etrusca), noto per i suoi fiori dalla forma distinta che va dal giallo al rosa. La sua fioritura prolifica attira gli impollinatori e la sua crescita folta e vigorosa ne fanno una pianta da giardino molto apprezzata.

Originario dell'Europa e di Minorca è il caprifoglio mediterraneo (Lonicera implexa), con fiori che variano dal rosa prima dell'apertura, al giallo-bianco. Si trovano comunemente nelle regioni centrali e meridionali, nelle Azzorre e in una regione più piccola nel nord-est di Trás-os-Montes, vicino al fiume Douro.

Potreste apprezzarne il profumo, ma non fatevi illusioni su questo rampicante esotico, che alcuni definiscono vigoroso e altri invasivo: è un colonizzatore aggressivo che mette in ombra le piante autoctone e danneggia le comunità naturali. Minaccia di competere con le specie autoctone e di sostituirle, si arrampica facilmente e fa ombra ad altre piante, oltre a crescere lungo il terreno. Può diventare così pesante da far cadere la pianta ospite.

Il profumo è inconfondibile: denso e intenso, ma allo stesso tempo fruttato e caldo, con note di miele e agrumi maturi. Quasi da mangiare!