"Lula è sulla buona strada per una straordinaria rimonta politica", si legge su un giornale. "Olé, olé, olé! Gli elettori di Lula cantano per una rimonta eroica per scacciare Bolsonaro", ha detto un altro. Si è speculato sul fatto che Lula avrebbe ottenuto più del 50% al primo turno di voto, evitando così il ballottaggio tra i due candidati principali il 30 ottobre.

Ma i sondaggi si sono sbagliati. Lula ha ottenuto un rispettabile 48% dei voti, ma era solo cinque punti avanti a Bolsonaro con il 43%, e nella politica brasiliana i candidati in testa spesso perdono terreno al secondo turno. Il declino e la caduta globale del movimento populista di destra, da tempo previsti, sono stati almeno rimandati.

Ciò è particolarmente rilevante per gli Stati Uniti, dove Donald Trump elogia costantemente Bolsonaro come "Trump tropicale". Lula si trova a sinistra di Joe Biden, ma entrambi gli uomini sono stalloni invecchiati del centro-sinistra che hanno fatto ritorno in politica ma si sentono già un po' come una notizia di ieri.

Quello che è già successo in queste elezioni presidenziali al primo turno in Brasile è un trionfo della destra dura nelle contemporanee elezioni del Congresso che renderebbe molto difficile un'altra presidenza Lula. Joe Biden potrebbe incontrare difficoltà simili dopo le elezioni di metà mandato del Congresso degli Stati Uniti del mese prossimo, se le previsioni dei sondaggi sono giuste.

Entrambi gli uomini hanno essenzialmente promesso un ritorno alla politica di centro-sinistra ragionevole e moderata di un tempo, e questo non sembra infiammare i cuori in nessuno dei due Paesi. A onor del vero, però, Lula ha un ulteriore handicap: una condanna penale.

Ho trascorso un'intera giornata con Lula molto tempo fa nel sobborgo automobilistico di São Bernardo do Campo, quando era un vero e proprio figlio di fatica dalle mani arrapate e un organizzatore sindacale. Sembrava certamente un uomo onesto, anche se povero, ma è stato liberato dal carcere solo l'anno scorso dopo aver scontato parte di una condanna a dodici anni per corruzione in ufficio.

Non si trattava di molti soldi e le accuse potrebbero essere state inventate: il giudice che le ha formulate e ha mandato Lula in prigione, Sergio Moro, ha poi ottenuto un posto nel governo di Bolsonaro come ministro della Giustizia. D'altra parte, Lula non è stato scagionato l'anno scorso; è stato rilasciato a causa di irregolarità procedurali nel caso. Potrebbe anche subire un nuovo processo.

Non ci sono quindi prove evidenti che l'ondata populista si stia placando. Bolsonaro potrebbe ottenere un secondo mandato, Trump potrebbe tornare negli Stati Uniti, Modi non sta perdendo la sua presa in India. Il mese scorso Orbán ha ottenuto una schiacciante vittoria alle elezioni in Ungheria, il mese scorso una coalizione di destra ha vinto le elezioni in Italia, Boris Johnson potrebbe addirittura tornare in auge nel Regno Unito.

La forza trainante di quest'ondata populista è un'alleanza, poco dissimulata, tra un'élite molto ricca e la parte risentita e in declino delle vecchie classi medie e lavoratrici. Il cemento emotivo che la tiene insieme comprende una forte dose di religione estrema, profondo conservatorismo sociale (ad esempio l'omofobia), ultranazionalismo e sentimento anti-immigrati.

Non tutti gli elementi sono presenti in ogni Paese. La religione non è una componente importante del populismo in Inghilterra; l'immigrazione non è una questione importante in Brasile o in India. Ma la paura e il capro espiatorio delle minoranze sono quasi universali, e l'abbondanza di bugie e le infinite distrazioni della "guerra culturale" servono a coprire le crepe di questa cinica alleanza di opposti.

Il populismo ci accompagnerà ancora per un po', e potrebbe anche diffondersi. Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan potrebbe percorrere la distanza che lo separa dal populismo, man mano che i problemi economici del Paese si aggravano, e la Francia avrebbe potuto diventare populista a tutti gli effetti l'anno scorso, se i partiti francesi di destra fossero riusciti a cooperare. Ma questa è solo metà della storia.

L'altra parte è costituita dai partiti della sinistra democratica che stanno conquistando il potere in quasi tutto il resto dell'America Latina: Alberto Fernández in Argentina (2019), Luis Arce in Bolivia (2020), Pedro Castillo in Perù e Gabriel Boric in Cile (2021), Xiomara Castro in Honduras (2022) e, più recentemente, Gustavo Petro in Colombia.

È inoltre degno di nota il fatto che solo tre dei 27 membri dell'Unione Europea hanno attualmente governi populisti: Italia, Polonia e Ungheria. Inoltre, la nuova coalizione italiana potrebbe non durare a lungo e il populismo polacco riguarda solo gli affari interni: I populisti polacchi non sono ammiratori di Vladimir Putin.

In Asia e in Africa, la formula populista non è stata utilizzata in politica, tranne che in India. Come tecnica politica rinnovata di recente sta avendo qualche successo, ma ogni nuova tecnica politica perde la sua freschezza dopo un po'.

E né Lula né Biden hanno ancora perso le prossime elezioni.