Il canto più popolare dei giovani uomini e donne (per lo più sotto i 25 anni) che ora scendono in piazza in tutto l'Iran è "Zan! Zendegi! Azadi!" ("Donne! Vita! Libertà!"). Il termine "donne" è al primo posto perché a scatenare le proteste è stato il pestaggio e la morte in carcere di una donna di 22 anni arrestata per aver lasciato trasparire troppi capelli sotto l'hijab.

La rivolta è guidata da giovani donne, nella misura in cui ha dei leader, e sta ancora protestando dopo un mese nonostante le circa 250 persone uccise dalle forze del regime e i 12.500 arrestati. Inoltre, queste proteste sono rivolte alla dittatura teocratica nel suo complesso, non solo alle sue varie malefatte e mancanze.

"Morte al dittatore" o "Morte a Khamenei!", scandiscono, intendendo la Guida Suprema Ayatollah Ali Khamenei, al potere dal 1989. Ma si oppongono a qualsiasi dittatura, non solo a quella attuale, quindi condannano anche l'ex re che la Rivoluzione islamica ha rovesciato: "Morte allo Scià!".

Questo non indebolirà la determinazione dei beneficiari della Rivoluzione, tra cui diverse centinaia di migliaia di fanatici religiosi ben armati nella milizia Basij e nel Corpo delle Guardie Rivoluzionarie iraniane, a difendere il regime ad oltranza.

L'ayatollah Khamenei ha chiarito la risposta del regime pochi giorni dopo l'inizio delle proteste. Le ha definite "rivolte" e ha detto che sono state "architettate dall'America e dal falso regime sionista occupante [Israele], nonché dai loro agenti pagati, con l'aiuto di alcuni iraniani traditori all'estero".

Potrebbe anche crederci (non esce molto), ma in ogni caso il dado è tratto. Per rovesciare il regime che le giovani generazioni ora rifiutano, dovranno combatterlo.

La battaglia finale potrebbe non avvenire ora: negli ultimi giorni, il numero di persone che osano scendere in piazza e sfidare gli esecutori del regime sembra diminuire. Ma prima o poi arriverà, e potrebbe non finire bene.

Ci sono tre possibili esiti. L'opzione uno è che finisca come il rovesciamento dello scià nel 1979. Le folle escono sempre più numerose, offrendosi per essere uccise dalle forze di "sicurezza", fino a quando le stesse forze dell'ordine si stufano dell'entità delle uccisioni e si rifiutano di sparare ancora ai cittadini.

Questo è improbabile perché i ribelli questa volta non sono motivati dal fervore religioso che spingeva i loro nonni quattro decenni fa. L'abnegazione infinita e volontaria di fronte alle armi degli oppressori non è uno stile che li appassiona, né l'attuale regime se ne andrebbe come fece lo scià.

La seconda opzione è che i ribelli si armino in qualche modo e cerchino di far cadere il regime con la forza. Ma l'unico modo per ottenere grandi quantità di armi è che un numero significativo di membri dell'IRGC e dei Basij disertino a loro favore. Questo è improbabile, quindi probabilmente finirebbe solo con un enorme bagno di sangue, ma senza un cambio di regime.

C'è una terza opzione, ma probabilmente porterebbe a un bagno di sangue ancora più grande. Se i giovani manifestanti riuscissero a procurarsi armi sufficienti per affrontare le forze del regime su una base più o meno paritaria, probabilmente si arriverebbe a una guerra civile su larga scala.

Questo è il modello "siriano": giovani manifestanti siriani non violenti hanno chiesto la fine del regime tirannico di Assad all'inizio del 2011 e sono stati abbattuti in numero tale che i loro leader sono stati soppiantati da persone più violente.

A quel punto anche molti soldati di leva hanno disertato per passare alla parte anti-regime e lo scontro si è trasformato in una guerra civile nazionale durata un intero decennio. Circa mezzo milione di siriani sono stati uccisi, quasi la metà della popolazione è ancora sfollata all'interno o all'estero e la maggior parte del Paese è in rovina. E il tiranno è ancora lì.

Moltiplicando il tutto per quattro, si ha una visione di come potrebbe essere l'Iran se un movimento pro-democrazia, inizialmente non violento, fosse spinto a prendere le armi contro un regime spietato: l'intero Paese devastato, con decine di milioni di sfollati.

Dire questo è un po' come far piovere sulla parata dei manifestanti, ma non si può fare a meno di dirlo. Potrebbe arrivare il giorno, tra cinque o dieci anni, in cui un numero sufficiente di sostenitori del regime sarà invecchiato e la miseria economica causata dal suo isolamento dal mondo sarà così estrema da rendere possibile una transizione pacifica verso un Iran diverso. Ma quel giorno non è ancora arrivato.