A nessuno piace sentirselo dire, ma il nocciolo dei nostri numerosi problemi ambientali non sta nelle mani dei politici che tutti amiamo detestare. E non è nemmeno colpa di coloro che sono diametralmente opposti alle nostre convinzioni politiche. Dobbiamo affrontare l'idea che non abbiamo capri espiatori a cui addossare i nostri problemi ambientali. La scomoda verità è che ci sono troppe persone al mondo. Punto. Le persone creano rifiuti e i rifiuti equivalgono all'inquinamento, soprattutto quando sono tanti. Quindi, più persone ci sono, maggiore è la quantità di rifiuti. Otto miliardi di persone creano ovviamente un'enorme quantità di rifiuti e quindi il mondo sta rapidamente diventando un'enorme discarica.

Vittima del successo

Il disordine è sia letteralmente che politicamente tossico. A tutti noi piace il bottino, ma evitiamo quello visibile. Per molti è frustrante che nessuna giurisdizione o leadership possa essere ritenuta responsabile, perché tutti condividiamo una parte della responsabilità in un modo o nell'altro. Per quanto possa sembrare perverso, la razza umana potrebbe essere vittima del suo stesso successo.

Non capita spesso di leggere questo genere di cose sui giornali, perché non è considerato il tipo di argomento che promuove un'aria di correttezza politica. Nella mente di alcune persone, uscire con qualcosa di simile a quello che ho appena scritto rasenta il palese allarmismo e potrebbe persino essere considerato un'eresia. Probabilmente non passerà molto tempo prima che qualcuno gridi "razzista!". Ma, aspettate un attimo, mi dispiace dire che questa volta questa vecchia tiritera non sarà applicata. Non mi importa cosa si pensa delle mie opinioni o di quelle di altri, perché qui non mi sto concentrando sulle opinioni. Inoltre, sto esaminando fatti freddi e concreti. Non è il momento di fare politica divisiva o di nascondere verità scomode. La posta in gioco è troppo alta.

Purtroppo, sparare al messaggero sembra essere un passatempo popolare in questi giorni. Ma raramente serve a qualcuno, perché anche se il messaggero giace ferito, i fatti persistono, anche se rimangono inascoltati. Tentare di svergognare i commentatori con grida di "razzista" o "bigotto" sembra illogico perché, in questo contesto, il razzismo non c'entra perché ci riferiamo alla razza umana nella sua interezza. Cioè popoli di ogni colore, di ogni credo e di ogni etnia! Tutti noi, compreso il sottoscritto.

Non c'è bisogno di affidarsi ai giornalisti per portare alla ribalta fatti allarmanti, perché è il mondo della scienza a confermare ciò che la maggior parte di noi sa da anni. Ovvero che la perdita di specie causata dall'uomo è un problema grave che merita un'azione urgente. Naturalmente, la scienza di solito ha ragione perché le conclusioni scientifiche si basano su osservazioni e statistiche, non su semplici convinzioni.

Sappiamo tutti che la verità

In realtà, conosciamo il declino delle popolazioni di piante e animali da molto tempo. Abbiamo osservato tutto questo sullo sfondo dell'espansione della popolazione umana e non abbiamo fatto nulla di significativo o costruttivo per mitigarlo. Ciò che sta diventando davvero allarmante è il ritmo sempre più incalzante delle estinzioni, mentre l'attività umana divora e distrugge gli habitat naturali. Le popolazioni animali hanno subito un declino di quasi il 70% dagli anni '70, ma tali rapporti disastrosi sulla perdita di specie hanno a lungo omesso di fare riferimento al principale motore della perdita di biodiversità. Ovvero l'espansione insostenibilmente rapida delle popolazioni umane a livello globale.

La parola chiave è "sostenibilità". Questo perché la nostra popolazione in crescita sta divorando risorse equivalenti alla capacità produttiva di quasi due Terre all'anno. Questo non è solo inquietante, ma è anche chiaramente insostenibile. Se le cose continuano sulla traiettoria attuale, avremo bisogno di risorse equivalenti a quelle che possono essere prodotte solo da non meno di tre Terre all'anno (entro il 2050). Se un numero sempre maggiore di noi chiede sempre di più alla Madre Terra, aggraveremo la perdita di biodiversità, accelereremo la scarsità d'acqua, aumenteremo l'inquinamento e causeremo un'ulteriore deforestazione, trasformando enormi aree selvagge in terreni agricoli.

Il nostro pianeta ha a malapena la capacità di sostenere la nostra attuale popolazione in crescita, figuriamoci quella di sostenere comodamente tutte le altre specie che condividono le ricchezze del nostro mondo, un tempo abbondanti. Prima del 2023, la popolazione raggiungerà e forse supererà la sconcertante cifra di OTTO miliardi. Mentre gli ecosistemi e le popolazioni di animali selvatici continuano a collassare, gli organismi internazionali non possono più ignorare le innegabili correlazioni che ci si presentano.

Un argomento serio

Sappiamo tutti che questi problemi esistono. Ciò che serve sono più visionari e meno reazionari. In altre parole, più soluzioni e meno commenti inutili, di cui, lo so, sono colpevole. Purtroppo, però, anche quando l'argomento è così serio, spesso è molto difficile portare sul tavolo soluzioni praticabili (per quanto ovvie possano essere). Ciò accade soprattutto quando le soluzioni prospettate rischiano di scontrarsi con norme culturali consolidate. Per esempio, quanti leader di regioni come il Medio Oriente e alcune parti dell'Africa potrebbero essere poco impressionati se si suggerisse che una delle principali soluzioni per il controllo della popolazione prevede l'emancipazione delle donne? E se si proponesse di rendere disponibile a tutti un'istruzione di qualità? Con questo intendo un sistema educativo universalmente accessibile che non solo includa, ma promuova attivamente l'empowerment delle donne come questione di puro pragmatismo piuttosto che come questione di uguaglianza.

C'è anche un'evidente necessità di rendere accessibile a un maggior numero di persone un'assistenza sanitaria decente. Ciò renderebbe molto più facile la pianificazione familiare. È chiaro che se le risorse del mondo fossero distribuite in modo più equo, tutti noi ne trarremmo beneficio. Quello che spesso manca è la spina dorsale per riconoscere alcuni di questi fatti fondamentali, che alla fine spegne il desiderio di agire.

Non dobbiamo guardare tanto lontano quanto il Medio Oriente o l'Africa per vedere la resistenza alla realtà. All'interno delle Nazioni Unite ci sono persone che negano la realtà indiscutibile della sovrappopolazione globale, scegliendo invece di mettere in guardia dall'"allarmismo". Queste persone farebbero sicuramente bene a conoscere e riconoscere i fatti, piuttosto che aderire a narrazioni prestabilite.

Estinzione imminente

Nel 2019, ad esempio, un rapporto commissionato dalle Nazioni Unite ha avvertito che "la natura si sta riducendo a livello globale a tassi senza precedenti nella storia dell'uomo. Il tasso di estinzione delle specie sta accelerando, con impatti potenzialmente gravi per milioni di persone in tutto il mondo". Il rapporto conclude che oltre un milione di specie animali e vegetali sono minacciate di estinzione imminente.

È innegabile la correlazione tra l'aumento del numero di persone e l'estinzione delle specie. Mentre l'uomo e il mondo naturale continuano a competere per lo spazio, la forma stessa della vita sulla Terra sta cambiando per sempre. Quando il numero degli esseri umani raggiunge la pietra miliare degli otto miliardi, questo è sicuramente il momento giusto per dare l'allarme.

Affrontare questi problemi non sarà facile, ma è ormai chiaro che convivere con le terribili conseguenze dell'apatia e dell'inazione si rivelerà la più grande sfida dell'umanità fino ad oggi.