Come giardiniere alle prime armi, è possibile che ci siano parole che non conoscete. ma la biologia delle piante è un argomento trattato anni fa a scuola, le cose tecniche che leggo ora a volte hanno bisogno di spiegazioni. Ecco alcune nozioni di base che che potreste incontrare come giardinieri principianti. Perdonatemi se le conoscete già tutte già.

Le parti delle piante sono un po' un mistero, quindi Le parti delle piante sono un po' misteriose, quindi cominciamo da qui. Ci sono 6 parti principali di una pianta - radici, steli, foglie, fiori, semi e frutti. Ogni parte ha una serie di compiti per mantenere la pianta in salute. Le radici assorbono acqua e minerali dal dal terreno e ancorano la pianta al suolo. Il fusto sostiene la pianta in superficie e trasporta l'acqua e i minerali alle foglie. Le foglie producono cibo per la pianta attraverso la fotosintesi. La clorofilla, la sostanza che che conferisce alle piante il caratteristico colore verde, assorbe l'energia luminosa. energia luminosa. Ok fino ad ora.

I fiori - hanno 4 parti principali: i petali, i sepali, gli stami e i carpelli (detti anche pistilli). Petali, Sappiamo tutti cosa sono, la parte esterna del fiore, bella e colorata. fiore. E cos'è il sepalo? È la parte verde che sostiene i quando sono boccioli, ma a volte nelle piante che non hanno petali, i sepali funzionano come petali, Gli stami? La risposta breve è che si tratta della parte riproduttiva maschile del fiore. è la parte riproduttiva maschile di un fiore. È un lungo e sottile peduncolo, il filamento, con un'antera a due lobi all'estremità. (L'antera è costituita da quattro strutture strutture simili a sacche che producono il polline). Carpelli? Sono le parti femminili femminili, responsabili della produzione di gameti maschili e femminili (le cellule riproduttive di una pianta). (le cellule riproduttive di una pianta) per la fecondazione.

Semi e frutti - I semi e i frutti sono fondamentalmente i risultati della fecondazione della pianta. Il frutto è la parte di una pianta in fiore che contiene i semi, e la buccia può essere sottile, tenace o dura. Ma alcuni frutti, tra cui le noci, sono secchi e sono fondamentalmente i semi dei frutti. Le angiosperme, chiamate anche piante da fiore, hanno semi racchiusi in un ovario (di solito un frutto). gimnosperme non hanno né fiori né frutti e hanno semi non chiusi o "nudi" sulla superficie. o semi "nudi" sulla superficie delle squame o delle foglie, come le pigne.

Ora un po' di cose tecniche a caso. ci sono più termini di quanti ne abbia a disposizione, quindi ne citerò solo alcuni.

N-P-K: Un'abbreviazione abbreviazione per i tre principali nutrienti che sono assolutamente necessari alle piante: azoto (N), fosforo (P) e potassio (K). Sono noti anche come macronutrienti" e i tre numeri si trovano comunemente sulle etichette dei fertilizzanti. sulle etichette dei fertilizzanti.

Bolt: A termine usato per descrivere una pianta che è andata a seme prematuramente.

Clorosi: A ingiallimento delle foglie dovuto alla mancanza di clorofilla, di nutrienti o di malattie. malattia.

Rizoma: A fusto carnoso sotterraneo o corridore. Le erbe striscianti si diffondono tramite rizomi.

Un genere è un nella classificazione biologica. Si colloca al di sopra delle specie e al di sotto delle delle famiglie. Un genere può includere più di una specie. Quando i biologi parlano di un genere, intendono una o più specie di piante strettamente imparentate tra loro. tra loro.

Cultivar - Un altro nome per una specifica "varietà" di pianta, selezionata per le sue caratteristiche. Ad esempio, Dazzling Blue e Curly Scotch sono cultivar diverse (varietà) di cavolo riccio.

Innesto - A tecnica che consiste nell'unire o fondere una porzione tagliata di una pianta con un'altra - per farla crescere insieme come un'unica pianta. Per esempio, per innestare una specifica varietà di mela su un su un altro portainnesto di melo resistente. La pianta risultante produrrà frutti fedeli all'innesto utilizzato.

Infine, un aspetto importante: lo Xeriscaping: Creare un paesaggio a bassa manutenzione con creare un paesaggio a bassa manutenzione con piante autoctone e aree ridotte o inesistenti di erba aree di erba erbosa. Uno degli obiettivi principali dello xeriscaping è quello di ridurre l'uso di acqua. l'uso dell'acqua nel paesaggio.