Le sardine sono imparentate con le aringhe, entrambe della famiglia Clupeidae. Il termine Sardine è stato utilizzato per la prima volta in inglese all'inizio del XV secolo e potrebbe derivare dall'isola mediterranea della Sardegna, intorno alla quale le sardine erano un tempo abbondanti. Grazie a una buona gestione del patrimonio ittico, sono ancora abbondanti in Portogallo, soprattutto nell'Algarve.

Una delle attrazioni più interessanti dal punto di vista visivo si trovava a Portimão, sotto il vecchio ponte. Le sardine venivano sbarcate accanto a una fila di ristoranti molto semplici, ma superbi, che vendevano solo sardine. Quando i pescatori le tiravano su dalle barche, finivano direttamente sulla griglia a carbone. Era uno spettacolo così famoso che una volta apparve sulla copertina della rivista Vogue, alcuni anni prima della rivoluzione.

Era tutto molto semplice. Il vino veniva spesso servito in qualsiasi cosa si trovasse a portata di mano, molte volte in una vecchia bottiglia di plastica di detersivo (ovviamente lavata). Un po' di insalata, se si era fortunati, ma il pesce continuava ad arrivare finché non si era sazi, poi si contavano le teste e si faceva pagare quello che si era mangiato.

Molto più tardi, ma ancora prima della formazione degli ispettori sanitari, il vino arrivò in bottiglia, ma si trattava comunque di cose basilari. Ancora più tardi si aggiunse il lusso di qualche patata. Non pensate nemmeno a un antipasto o a un dessert (ma forse a un gelato). Tutto questo era molto semplice, ma anche molto speciale. Si assisteva letteralmente allo sbarco delle sardine e alla loro cottura sulla griglia. Più fresche di così non si può, ed erano una delizia.

Anche se il "progresso" ha portato alla chiusura di questi ristoranti sul molo e al loro trasferimento in un nuovo sito "modernizzato", ci sono ancora molti ristoranti che sanno come servire questo pesce superbo, che deve essere grigliato alla brace. Potrebbero essere vecchi di qualche ora, ma probabilmente non si noterà la differenza.

Ma sapete come si mangiano le sardine?

È una domanda strana, ma c'è un modo speciale di mangiare le sardine, il vecchio stile dell'Algarve. Prendete una fetta di pane fatto in casa dal cestino e mangiate le sardine su questo pane, facendo assorbire l'olio, il sale, i succhi ecc. delle sardine. Girate il pane un paio di volte. Quando avete finito, mandate la fetta di pane ad abbrustolire sul barbecue. È il vecchio metodo dell'Algarve, ma quando assaggerete quella fetta di pane abbrustolito, non vorrete più mangiare le sarde in altro modo. Credetemi, è incredibile. La base di questo modo tradizionale di mangiare le sardine in Algarve è semplice. Non servono piatti, solo la fetta di pane. Si mangia la sardina con le dita e si finisce il pane sul barbecue. Non servono piatti, coltelli e forchette e non si deve lavare.

Super nutrienti, le sardine sono un alimento completo, ricco di proteine di buona qualità, omega 3, calcio, vitamina D e B12, magnesio... e hanno anche il vantaggio di un basso rischio di contaminazione da metalli pesanti come mercurio o cadmio. Avete bisogno di altre scuse per mangiarle?

L'industria delle sardine negli anni '90

Il 1853 è la data attribuita alla più antica fabbrica di conserve, fondata a Vila Real de Santo António, ma a Portimao si trovava il maggior numero di fabbriche di conserve di sardine. Oggi sono state demolite o utilizzate per altri scopi, ma erano un importante datore di lavoro nella zona. Il 1891 sembra essere l'anno di inizio dell'industria conserviera a Portimão. Nel 1935 c'erano 19 fabbriche. La giornata lavorativa durava quattordici ore, dieci di giorno e quattro di notte. Gli uomini potevano guadagnare 600 réis, le donne 220 réis e i minori solo 180 réis (nel 1911 l'escudo sostituì il réis al tasso di 1 escudo = 1.000 réis).

Le donne iniziarono a lavorare nelle fabbriche all'età di 14 anni e, poiché il lavoro non era regolamentato, le operaie venivano chiamate dal fischio della sirena della fabbrica a qualsiasi ora del giorno e della notte, a seconda dell'arrivo del pesce. Non appena le donne sentivano la sirena, correvano alle fabbriche per non essere penalizzate nell'orario di lavoro e quindi nel salario settimanale.

Secondo la maggior parte degli storici, l'industria conserviera locale delle sardine dell'Algarve iniziò a chiudere con l'arrivo del turismo. L'industria turistica avrebbe pagato molto meglio che lavorare in una fabbrica di conserve.

Oggi l'industria occupa ancora più di mille persone, ma soprattutto nel nord del Portogallo. La tecnologia ha cambiato radicalmente il processo di inscatolamento. Anche il Marocco è diventato uno dei principali fornitori, anche perché il costo della manodopera è molto più basso.

Visita il museo di Portimão per saperne di più

Una visita essenziale se siete curiosi di saperne di più è il Museo di Portimão, sul lato sud del lungomare di Portimão. Ci sono filmati delle fabbriche al lavoro, tutti molto "propagandistici", con donne felici che cantano mentre vanno al lavoro e cantano al ritorno. Forse è un po' troppo, ma è molto interessante. Il museo è molto ben presentato e merita una visita. Sito web, non in inglese ma Google lo tradurrà per voi. Cercate il link "Há Peixe no Cais".

Il suono delle sirene che chiamavano gli operai alle fabbriche è passato da tempo, ma faceva parte della storia dell'Algarve. Nel frattempo, godetevi le delizie della sardina fresca, grigliata sulla carbonella, e non dimenticate il segreto di come mangiare le sardine nel modo storico locale.