È compito di Francesco dire cose del genere, e lo fa con sincerità e grazia. Ha condannato i capricci "infantili" di "alcuni potentati" di fare la guerra, e tutti hanno pensato che fosse una bella cosa, anche se nessuno ha fatto nomi. (Suggerimento: il nome del principale "potentato" offensivo del momento inizia per "P").

Ma ecco la domanda. Sei un bambino? O almeno pensi come un bambino? Sei ignorante e impotente? Tre volte "no"?

Allora, se sei un adulto responsabile, cosa hai fatto l'ultima volta che il tuo Paese è entrato in guerra? (Se fate parte di quella minoranza il cui Paese non è mai entrato in guerra da quando siete vivi, potete saltare questa domanda o usare la vostra immaginazione).

Il Papa ha buone intenzioni, ma sta abbaiando all'albero sbagliato. La ragione per cui la guerra è sempre con noi non è una fornitura infinita di potentati malvagi con capricci infantili. È un'infinità di esseri umani, la maggior parte dei quali non ha nemmeno il male nel cuore.

Ciò che possiedono in misura massiccia è una cultura di base, più antica della nostra stessa specie, che vede la guerra come naturale e necessaria (almeno quando è la nostra parte a farla). A volte ci sono aggressori e difensori chiari, naturalmente, ma i ruoli si scambiano regolarmente e il gioco non si ferma mai.

Jean-Jacques Rousseau non sarebbe d'accordo con me, ma lui conosceva solo gli ultimi tremila anni della storia umana. Noi conosciamo la nostra lontana preistoria e conosciamo anche i nostri parenti primati (soprattutto gli scimpanzé) e questo ci ha insegnato qualcosa di molto importante. Gli esseri umani non hanno inventato la guerra. L'hanno ereditata.

A metà del XX secolo, la convinzione che gli esseri umani vivessero in pace prima dell'avvento della civiltà ha cominciato a crollare di fronte all'evidenza degli antropologi che la guerra era cronica e quasi universale tra i cacciatori-raccoglitori. Tutti noi discendiamo dai cacciatori-raccoglitori.

Negli anni '70 la primatologa Jane Goodall, studiando gli scimpanzé in Tanzania, scoprì che gruppi di scimpanzé vicini combattevano guerre tra loro. Si trattava di guerre di basso livello, condotte interamente con agguati molti contro uno, ma le ricerche successive rivelarono che il numero di maschi morti in guerra era in media del 30% per generazione e che a volte intere bande venivano spazzate via.

La ragione di ciò potrebbe risiedere nella biologia evolutiva. Il mondo è sempre stato piuttosto pieno e quando le fonti di cibo di una data regione si riducono - una siccità, un'alluvione, un cambiamento nelle rotte migratorie degli animali - alcuni degli abitanti locali moriranno di fame.

Se siete un animale territoriale che vive in gruppo, a lungo andare vi conviene ridurre la popolazione dei gruppi vicini. Quando arriva il momento critico, il vostro gruppo più numeroso sarà in grado di scacciare o uccidere il gruppo vicino e di utilizzare le sue risorse oltre alle vostre.

Gli scimpanzé non hanno pensato o scelto questa strategia. E nemmeno gli esseri umani. Molti altri predatori che vivono in gruppo hanno la stessa strategia: leoni, iene, lupi. Tratti come l'aggressività variano da un individuo all'altro, ma se l'aggressività porta vantaggi l'evoluzione lavora a favore di essa.

Quindi eccoci qui, molto tempo dopo, bloccati da un comportamento tradizionale profondamente radicato che non serve più ai nostri scopi. Anzi, potrebbe addirittura spazzarci via. Che cosa possiamo fare?

Non ha senso desiderare un Gandhi universale che cambi il cuore dell'uomo. Non esiste, e comunque non sono i cuori a dover cambiare. Sono le istituzioni umane.

In realtà, quasi tutti i professionisti militari e diplomatici lo sanno già. Anche molti politici lo sanno e nell'ultimo secolo - a partire dalla metà della Prima guerra mondiale - sono stati compiuti molti sforzi per domare la guerra e costruire istituzioni in grado di sostituirla.

Questo era l'obiettivo della Società delle Nazioni. Le Nazioni Unite si occupano di questo, di misure per il controllo degli armamenti e di tribunali penali internazionali per processare chi inizia una guerra aggressiva, a partire dai processi di Norimberga nel 1945. Si tratta di un lavoro in corso, ma negli ultimi cinquant'anni c'è stata una forte e costante diminuzione della portata e della frequenza delle guerre.

Il lavoro è lungi dall'essere terminato e il ritorno di una guerra tra grandi potenze, questa volta con armi nucleari, è un rischio sempre presente. Ma la guerra nucleare non è solo una minaccia. È anche un enorme incentivo a mettere sotto controllo questa antica istituzione e, in ultima analisi, ad abolirla.

E un po' di preghiera lungo il percorso probabilmente non guasterebbe.