Originariamente poetessa, Irene ha scritto due raccolte di poesie ma questo è il suo romanzo d'esordio che sancisce il suo forte legame con il Portogallo.

L'autrice si divide tra l'Estonia e Lisbona, spesso trascorre i mesi estivi in Estonia. Dalla nostra conversazione è emerso chiaramente che è stato chiaro che Irene ha un legame speciale con il Portogallo, come mi ha detto con orgoglio: "È il luogo del mio cuore". con il Portogallo, come mi ha detto con orgoglio: "È il luogo del mio cuore".

Irene ha visitato Lisbona per la prima volta nel 2002 e questo ha ispirato che ha ispirato la stesura di "Comandante João G", mi ha spiegato che "allora non sapevo nulla del Portogallo, ma per caso ho incontrato il del Portogallo, ma per caso ho incontrato un portoghese in un caffè della capitale dell'Estonia. capitale dell'Estonia e mi ha invitato in Portogallo".

"Ci siamo innamorati e ho vissuto a Lisbona per un paio d'anni. anni e poi sono tornata in Estonia, ma non riuscivo a liberarmi del Portogallo e quindi continuavo a tornare per mesi Portogallo, per cui continuavo a tornarci per mesi. Circa 10 anni fa, mi è venuta in mente la storia che si basa sul gruppo di amici che ho incontrato mentre vivevo a Lisbona".

Irene ha aggiunto: "In parole povere, è la storia di tre ragazzi portoghesi che vanno in Estonia. di tre ragazzi portoghesi che vanno in Estonia, vogliono esplorare e vedere l'Estonia perché hanno sentito dire che in Estonia vivono le donne più belle del mondo. Estonia, ma se si guarda sotto la superficie, è una storia di differenze tra nazionalità e paesi e di possibili tensioni. tra nazionalità e Paesi e sulle possibili tensioni tra le persone".

"In Estonia c'è una grande popolazione russa e io discutere le ragioni delle tensioni tra estoni e russi, c'è un'enorme paura in Estonia che si possa c'è una grande paura in Estonia di essere i prossimi dopo la guerra in Ucraina".


Sinossi

Irene ha gentilmente condiviso una sinossi che recita: "Dovete dovete capire che non era mia intenzione diventare "estremista" all'inizio. all'inizio. Come vi ho detto, volevo solo trovare la mia donna ideale, la mia sposa baltica. sposa baltica. Perché baltica, vi chiederete. Ebbene, perché il mio collega Carlos, capo di un altro ministero, ha detto che le donne più belle del mondo vivono in Estonia". in Estonia".

"Per come la vedo io, estremismo significa violenza ed è terrorismo, e quando mi guardate, cosa vedete? Un semplice portoghese, di mezza età, con la pancia un po' gonfia e la testa un po' calva, ma ancora ragionevolmente testa un po' calva, ma ancora ragionevolmente bello, con un bel sedere (molte donne l'hanno detto!) e un bel sorriso. molte donne lo hanno detto!) e un bel sorriso. Le amiche di mia sorella (con cui sono uscita, tra l'altro, tutte tra l'altro) dicono addirittura che sono molto bello. Ma non mi piace vantarmi. Diciamo che sono mediamente bello. Un estremista, un terrorista, il capo del gruppo che che progettava un colpo di Stato? Tutti i giornali dell'Estonia mi hanno definito così prima del processo. prima del processo - senza dubbio con l'intento di influenzarlo!".


Opposti polari

Abbiamo anche discusso delle differenze tra Portogallo ed Estonia, che è un argomento principale trattato nel libro. Irene afferma che "Portogallo ed Portogallo e l'Estonia sono paesi molto diversi, con la differenza principale del freddo Il clima estone è freddo, mentre quello portoghese è caldo". Irene desidera sottolineare che che "i portoghesi sono molto accoglienti con gli stranieri e che lei non si è mai non si è mai sentita sgradita qui". Aggiungendo che "gli estoni, al contrario, sono sospettosi nei confronti degli stranieri. degli stranieri, alla fine si scaldano, ma ci possono volere anche anni per diventare amici. diventare amici. Se si è turisti non si nota questo aspetto, ma se si viene a vivere in Estonia, le persone vogliono conoscerti prima di diventare tuoi amici, ma i portoghesi diventano amici all'istante, prendendoti per come sei. è ciò che amo davvero del Portogallo".


Dedicato a Julia

Abbiamo anche parlato di come destreggiarsi tra la scrittura e la maternità, e questo mi è sembrato particolarmente stimolante. Irene ha tre figlie, Julia Julia, di 10 anni, Aurora, di 7 anni, ed Estrella, di 2. Irene ha ammesso che "cercare di trovare il tempo è stato molto difficile. trovare il tempo era difficilissimo e spesso mettevo i bambini a letto e iniziavo a scrivere". a letto i miei figli e iniziavo a scrivere". Mio marito Inno mi ha aiutato moltissimo a scrivere il libro. il libro. Molte volte ha messo a letto i bambini e ha giocato con loro, così che io potessi scrivere in pace". scrivere in pace".

Irene ha iniziato a scrivere questo libro quando era incinta di di Julia e mi ha detto che le ci sono voluti 10 anni per completarlo perché sua figlia era molto malata. Julia ha una sindrome genetica molto rara, chiamata Sindrome di Angelman. sindrome di Angelman, e spesso aveva attacchi di epilessia, così ho messo in pausa la stesura del libro. è un sogno che si avvera che il mio libro sia uscito ora". Irene ha dedicato il suo libro a libro a Julia, "lei è la fonte della mia ispirazione e della mia forza per scrivere questo libro. perché volevo portarla in Portogallo". La cosa più positiva è che Julia sta Julia sta molto meglio e Irene ritiene che sia merito del clima e del cibo portoghesi. cibo portoghese.

L'aspetto più emozionante è che Irene sarà presente alla Fiera del Libro di Lisbona Fiera del Libro di Lisbona, che si terrà dal 25 agosto all'11 settembre. se desiderate incontrare l'autrice, venite alla sua presentazione il 3 settembre alle 17.00. 3 settembre alle 17.00. Irene ha anche rivelato che ha intenzione di scrivere un seguito che include gli stessi personaggi, ma si concentra sul tema della guerra e di come essa influenzi le persone. come essa influenzi le persone.

Se desiderate acquistare una copia di "Comandante João G", visitate la FNAC o consultate il sito https://www.livrariaatlantico.com/autor/irene-starland. o https://www.amazon.com/-/es/Irene-Starland-ebook/dp/B09SH8Q627