Tuttavia, questo ha dato ai politici occidentali un serio risveglio. Ora, si stanno dando da fare per fare un corso intensivo sulla formulazione di politiche energetiche coerenti. Perché, ammettiamolo, Net Zero non avrebbe mai funzionato nonostante le buone intenzioni. Le leggi delle conseguenze non volute sono entrate in gioco.

A meno di un mese dalle incursioni russe in Ucraina, c'è già un certo numero di leader europei che si affrettano a prendere le distanze da quello che una volta era il santo graal di Net Zero. Sono spinti a riconsiderare rapidamente le rispettive posizioni sulla sicurezza energetica. Se non lo fanno - le luci si spengono.

A differenza del proverbiale leopardo, i politici cambiano le loro macchie, rendendoli più simili a camaleonti. Naturalmente, mi rendo conto che queste sono circostanze senza precedenti, ma Net Zero si era quasi guadagnato un seguito di culto. Era diventata una dottrina radicata che permeava come una buona marinata. Se qualsiasi persona, sia nel Regno Unito che in qualsiasi altra parte del mondo occidentale, osava esprimere una parola di dubbio sul Net Zeroismo, rischiava di diventare un emarginato.

Non sto in alcun modo 'negando' nulla. Il cambiamento climatico è reale. L'ho capito. Chiunque abbia occhi e orecchie capisce l'urgenza di affrontare i problemi climatici. Ridurre la quantità di gas nocivi pompati nell'atmosfera che TUTTI respiriamo non può che essere una mossa positiva. Ciò di cui abbiamo bisogno è soprattutto un dibattito onesto e razionale su questo argomento.

Alcuni dei rimedi finora sono stati più che ridicoli. Per esempio, l'Occidente ha esportato gran parte delle sue emissioni manifatturiere in Estremo Oriente. I politici occidentali hanno avuto la faccia tosta di sottolineare quanto meravigliosamente puliti fossero diventati la NOSTRA aria e i NOSTRI fiumi, mentre città come Pechino soffocavano in pennacchi di smog acre, in gran parte generato dalla produzione di beni di consumo occidentali. Non ho mai considerato troppo difficile identificare la differenza tra le misure genuine per aiutare a risolvere i nostri guai climatici e la palese segnalazione di virtù, quest'ultima inutile come un asino con tre gambe al Grand National di Aintree.

Il governo britannico sta rivedendo la sua posizione sulla spinosa questione della produzione interna di petrolio e gas. Sembra esserci un consenso trasversale con rare dimostrazioni di solidarietà a Westminster. Tanto che presto potrebbe essere difficile individuare qualsiasi politico mainstream che confessi prontamente di aver mai detto "amen" a quell'ideale a lungo sostenuto di delegare la nostra sicurezza energetica a despoti come Putin. I politici di tutto il mondo occidentale hanno capito che siamo limitati dalla morsa del Cremlino. È difficile vedere una via d'uscita senza causare un danno ancora più grave a se stessi.

Qualunque siano le vostre opinioni personali sull'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, non è stato lento nell'identificare l'enorme follia di rinunciare alla sicurezza energetica dell'America. Sosteneva che Net Zero non poteva essere raggiunto a meno che o fino a quando l'energia di origine nazionale non potesse essere sostituita da alternative veramente valide. Alternative che potrebbero essere completamente controllate dalle mani americane, non da quelle di regimi stranieri aggressivi che in realtà prosperano nell'innescare instabilità geopolitica. Possiamo vedere questo scenario giocarsi proprio ora. La guerra di Putin ha fatto salire il valore all'ingrosso del petrolio e del gas russo di circa 350 miliardi di sterline al giorno. Per Putin, questo equivale a un'offensiva militare pay as you go in Ucraina.

In verità, i paesi sviluppati (e anche quelli in via di sviluppo) continueranno ad avere bisogno di petrolio e gas per i decenni a venire. Il gas fornisce quasi la metà di tutta la nostra energia, che sia per i trasporti, il riscaldamento delle nostre case, le necessità industriali o la produzione di elettricità. Le energie rinnovabili che consistono nel solare, nell'eolico o nell'idroelettrico generano attualmente solo il 5% circa.

Anche se riuscissimo a cambiare tutti i nostri veicoli con quelli elettrici entro il 2050, avremmo comunque bisogno di espandere massicciamente la nostra capacità di generazione per far fronte all'enorme attrazione che i punti di ricarica dei veicoli elettrici porranno sulla rete. Le sole energie rinnovabili non riusciranno a soddisfare queste massicce richieste future. La domanda è: cosa succede se incontriamo anticicloni prolungati e il vento smette di soffiare? O forse ci troviamo di fronte a prolungati periodi di giorni senza sole. Nel Regno Unito e in Irlanda, non c'è bisogno di molta immaginazione per immaginare giornate tristi e senza sole.

Il fatto è che la tecnologia ha fatto passi da gigante negli ultimi anni. La nuova tecnologia rende ora possibile estrarre il gas naturale dallo scisto in un modo che è economicamente redditizio. Le isole britanniche siedono su vaste riserve, per un valore stimato di due trilioni di sterline. Lo scisto di Bowman nel Lancashire è noto per essere una delle più ricche riserve di gas di scisto mai scoperte, eppure rimane inutilizzato principalmente perché i governi successivi hanno capitolato alla brigata NIMBY locale con i loro striscioni di protesta, forconi e manici di scopa. I voti contano più della sicurezza energetica, o così sembrerebbe.

Tuttavia, gli atteggiamenti politici verso la sicurezza energetica sono cambiati molto prima che Putin invadesse l'Ucraina. C'era una crisi del costo della vita che incombeva da mesi. Si prevedeva che le bollette energetiche delle famiglie sarebbero salite alle stelle non appena le nostre economie assediate fossero gradualmente emerse dai prolungati blocchi indotti dal COVID. A causa di questo, i politici faranno molta fatica a convincere il pubblico che tutti i nostri attuali problemi energetici possono essere attribuiti a scarse forniture estere. I governi che si sono succeduti sono stati restii a sfruttare le enormi riserve di gas di scisto per paura di alienarsi qualche potenziale elettore scontroso.

Alcuni potrebbero sostenere che gli alti prezzi del petrolio e del gas rafforzano il caso delle installazioni eoliche offshore. Ma il vento, di per sé, non è un'alternativa veramente valida. Il vento è inaffidabile e richiede grandi riserve di combustibile fossile come riserva. Altri potrebbero sostenere che il gas di scisto non può essere estratto abbastanza velocemente per alleviare le attuali carenze e che la produzione di gas di scisto nel Regno Unito non ridurrebbe da sola i prezzi all'ingrosso. Eppure il gas di scisto statunitense si è più che dimezzato in valore in meno di dieci anni. I prezzi statunitensi sono rimasti ragionevolmente bassi mentre i prezzi europei sono saltati più di sei volte.

Quindi ci sono enormi benefici dall'estrazione del gas di scisto. Fatto correttamente, potrebbe creare molti posti di lavoro ben pagati. Un altro vantaggio significativo è che il valore del prodotto genererebbe enormi entrate fiscali invece di enormi quantità di denaro che andrebbero a gonfiare il grasso forziere di Putin.

Naturalmente, ci rendiamo tutti conto che il gas di scisto è un altro bene finito, ma non è questo il punto in questo momento. Questo perché lo scisto può diventare la soluzione a breve termine che ci dà il tempo necessario per liberarci dall'energia russa.

Quello che sicuramente non dobbiamo mai più fare è sederci e guardare enormi pezzi della nostra importante infrastruttura nazionale che vengono venduti al miglior offerente. Facendo così potremmo alla fine permettere che la nostra sicurezza energetica cada nelle mani di altri grandi conglomerati d'oltremare, spesso influenzati da regimi decisamente ostili. Se non esaminiamo queste questioni con attenzione, spassionatamente e logicamente, continueremo a gustare i frutti amari delle nostre follie

In sintesi, nessun territorio può più permettersi di compromettere la propria sicurezza energetica. Non ci si può più fidare di Putin e nemmeno di molti altri regimi che hanno la capacità di tenerci tutti in ostaggio