Da questa posizione unica nel Portogallo centrale possiamo osservare i pianeti, quasi toccare i crateri lunari o guardare nei più profondi recessi dello spazio facendo un immaginario viaggio cosmico attraverso nebulose lontane verso alcune galassie lontane. Questo angolo speciale del Portogallo offre una vista mozzafiato su innumerevoli stelle che brillano in uno dei cieli notturni più limpidi del mondo.

L'Alentejo offre molte attività alternative se non siete amanti dell'osservazione delle stelle. Se la gastronomia batte l'astronomia, vi aspetta una grande varietà di sensazioni gustative. Qui, vicino al confine con la Spagna, c'è spesso una fusione di delizie culinarie regionali da scoprire, con piatti provenienti dall'Andalusia, dall'Alentejo e a volte anche dall'Algarve, tutti racchiusi in un unico banchetto epicureo.

Indipendentemente dal menu, durante una recente visita ho goduto di rilassanti tramonti sorseggiando cocktail unici o birre ghiacciate. Ho persino partecipato al surreale passatempo della degustazione di vini alla cieca, alla luce delle stelle. Bicchiere alla mano, ho immaginato che questa favolosa regione avrebbe potuto incontrare il favore del compianto dottor Carl Sagan. Non solo era un astronomo leggendario, ma anche un grande storico e un rinomato visionario. Ha reso l'astronomia accessibile mettendo le idee in un contesto. La serie televisiva "Cosmos" è stata una rivelazione assoluta per molti aspiranti astronomi.

Una vita complessa

È difficile non essere influenzati da una grande mente come quella del dottor Sagan. Anche prima di leggere le sue opere, i miei sentimenti propendevano per l'idea che l'universo fosse fondamentalmente ostile alla vita terrestre. Tuttavia, Sagan ha sottolineato che abbiamo solo "vita complessa" sulla Terra come punto di riferimento per testare qualsiasi teoria sulla capacità dell'universo di ospitare la vita. La maggior parte di ciò che si trova al di là del santuario del nostro "punto blu" è probabilmente letale per la vita terrestre complessa che, nel corso di milioni di anni, si è evoluta per vivere solo sulla Terra. Allo stesso modo, l'ambiente terrestre si rivelerebbe probabilmente ostile agli extraterrestri; uno scenario brillantemente descritto da H G Wells ne La guerra dei mondi.

Forse la vita microbica semplice è comune anche nel nostro sistema solare? Ma l'evoluzione della vita complessa avrebbe bisogno di determinate condizioni per prevalere, tutte largamente affidate al caso. Per questo ho sempre pensato che la presenza di "vita complessa" nell'universo potrebbe essere rara. Ma l'universo è più che immenso. Quindi, qual è la definizione di raro in questo contesto?

Poi c'è la questione di come la vita complessa possa essere considerata intelligente? Cosa si qualifica come "intelligente" e chi lo giudica? Forse basta possedere un istinto di sopravvivenza per essere considerati intelligenti? In fin dei conti, a cosa serve apprezzare l'arte, la cultura, la musica, la letteratura e così via alla maggior parte delle forme di vita sulla Terra - figuriamoci agli alieni? Gli alieni probabilmente apprezzerebbero le opere di William Shakespeare, Picasso o Mozart tanto quanto una comune mosca di maggio? La sopravvivenza ha la meglio su tutto. Realisticamente, la raffinatezza intellettuale conta solo all'interno di alcuni segmenti della società. Eppure, l'apprezzamento dell'arte o della cultura sembra essere un parametro di riferimento con cui si misura l'intelletto in generale. La raffinatezza intellettuale in sé e per sé sembrerebbe superflua al di là del regno della borghesia? Molti degli industriali più ricchi e importanti del mondo raramente si considerano accademici o particolarmente sofisticati. Queste persone prosperano perché sono particolarmente abili nella sopravvivenza.

Una mossa non brillante

Mi chiedo se gli osservatori extraterrestri considerino l'umanità così intelligente. Ammettiamolo, non abbiamo usato collettivamente le nostre capacità per il bene comune. Come specie abbiamo sconsideratamente divorato risorse limitate e saccheggiato l'unico pianeta in grado di ospitare la vita che conosciamo. Così facendo, abbiamo inquinato e degradato il nostro ambiente di vita. Non è una mossa brillante.

La popolazione umana attuale è di oltre 7,7 miliardi di persone. Sostenere una popolazione così massiccia significa ridurre la capacità di sostenere il ricco arazzo di vita che finora è stato fondamentale per la salute dei fragili ecosistemi. A volte sembra che l'attività umana possa essere il catalizzatore del prossimo evento di estinzione di massa. Sappiamo tutti cosa sta accadendo, ma non sembriamo disposti a fermarlo e a salvarci la pelle. È questo il segno distintivo dell'intelligenza? Possedere l'intelligenza e tutto ciò che essa offre va bene, ma se non riusciamo ad applicarla positivamente, è sicuramente inutile o addirittura dannosa?

Tra gli ingredienti essenziali per la nascita della vita sulla Terra ci sono stati la tettonica a placche, l'ossigeno, la presenza di una grande luna, un campo magnetico, un gigante gassoso come Giove che ha deviato enormi asteroidi dall'impatto con la Terra. La vita animale ha richiesto centinaia di milioni di anni per evolversi, a differenza dei batteri, che sono stati le prime forme di vita a comparire. I batteri sono estremamente resistenti, mentre la vita animale è fragile e soccombe facilmente a cambiamenti improvvisi e gravi dell'ambiente. Pertanto, la vita animale è molto più soggetta all'estinzione.

L'evoluzione umana e il nostro successo come specie sono quasi certamente dovuti alle fragilità di altre forme di vita animale che un tempo popolavano la Terra. L'esistenza e la resilienza della vita microbica hanno agito come una polizza di assicurazione sulla vita. In pratica, se un gruppo di forme di vita complesse fa schifo o viene in qualche modo spazzato via da imprevisti cataclismi naturali, i microbi sopravvivono. Alla fine i microbi potrebbero evolversi in nuove forme complesse che potrebbero avere la possibilità di dominare. Cosa sono alcune centinaia di milioni di anni tra i terrestri?

Vaste distanze

Una cosa che abbiamo concluso è che l'universo è immenso. Anche se esistono altri pianeti abitabili, probabilmente saranno pochi e lontani tra loro. Troppo lontani l'uno dall'altro perché gli abitanti intelligenti possano comunicare. Le distanze tra le singole stelle, per non parlare delle galassie, sono così inimmaginabili che quando i segnali passano tra di loro è molto probabile che quei mondi siano del tutto irriconoscibili da quelli che hanno inviato i messaggi in origine. Il tentativo di contattare altre civiltà è quindi probabilmente un esercizio infruttuoso.

Gli extraterrestri si fiderebbero comunque dell'umanità? La maggior parte della vita animale sulla Terra ha sviluppato una paura istintiva dell'uomo. Praticamente tutto il degrado ambientale e le conseguenti estinzioni sono dovuti all'attività umana. Anche se non miriamo deliberatamente a danneggiare l'ambiente, il nostro successo come specie ha comportato una richiesta insostenibile di risorse globali. Gli alieni possono quindi essere eternamente grati che non ci siamo "spinti con coraggio dove nessun uomo è mai giunto prima".

Quindi? Siamo soli nell'universo? La mia conclusione è che probabilmente no. È probabile che non sapremo mai la risposta, a meno che non scopriamo che i Clanger vivono davvero sulla luna. La domanda allora sarebbe: chi li ha fatti a maglia?

Lasciate che vi avverta che la degustazione di vini alla cieca alla luce delle stelle potrebbe rivelarsi un'esperienza immensamente piacevole, ma quando viene combinata con i punti più sottili dell'astronomia, potremmo finire per covare molte più domande che risposte. Ho il sospetto che, per quanto piacevole, non avrei dovuto bere l'ultimo bicchiere!