Cinque anni fa il Libano sembrava ancora un paese di classe media con molti poveri. Ora sembra un paese molto povero con pochi ricchi. Se volete i numeri, la percentuale di persone che vivono sotto la soglia ufficiale di povertà è passata dal 30% di due anni fa all'80% di adesso.

In effetti, anche la guerra civile del 1975-1990 ha fatto meno danni all'economia, anche se ha distrutto diverse centinaia di migliaia di vite e gran parte delle infrastrutture del paese: "Anche durante la guerra civile c'erano soldi e nessuno moriva di fame", come ha detto un autista di autobus di Beirut.

Il disastro attuale ha le sue radici in quella guerra. Ha riportato i libanesi nella relativa sicurezza delle loro comunità settarie, cristiani, musulmani sunniti e musulmani sciiti, e i signori della guerra sono sorti per proteggere queste comunità,

Alcuni dei signori della guerra erano ricchi leader tradizionali, altri erano uomini resi potenti dalla guerra. Per finanziare le milizie che guidavano, crearono sistemi di "tassazione" che erano poco meno di un'estorsione, e furono i loro parenti e amici a organizzare e gestire questi sistemi.

Alla fine della guerra, nel 1990, erano la nuova élite politica e finanziaria, con milizie ben pagate per imporre la loro volontà alle loro comunità - e non tornarono ai loro lavori quotidiani. Sono diventati un club corrotto e nepotistico i cui membri cooperano sempre per appropriarsi della ricchezza dello stato libanese, per quanto possano odiarsi a vicenda.

Questo sistema ha funzionato bene negli anni '90 e 2000, ma è andato visibilmente in pezzi negli anni 2010. Semplicemente non c'era abbastanza denaro da dividere tra le élite (educatamente conosciute come la "classe politica"). Il Libano non produce quasi nulla, nemmeno abbastanza cibo per la sua gente, e le sue importazioni sono pagate con rimesse, aiuti esteri e prestiti.

Non entrando abbastanza denaro per sostenere le loro immense reti clientelari, le élite hanno iniziato a tassare più pesantemente la parte più povera della popolazione, e nel 2019 qualcosa è scattato. Improvvisamente le strade di Beirut erano piene di manifestanti che chiedevano un cambiamento fondamentale.

Il Libano è un'ex colonia francese, quindi il presidente francese Emmanuel Macron è volato qui e ha offerto al governo libanese 11 miliardi di sterline in cambio di riforme strutturali che avrebbero sradicato la corruzione nel cuore del governo. Ma le élite che beneficiano di quel sistema SONO il governo, in pratica, quindi ovviamente hanno detto no, grazie.

Le manifestazioni sono continuate per quasi un anno, perché ormai c'erano lunghe interruzioni giornaliere dell'elettricità. Le famiglie impoverite avevano difficoltà a permettersi abbastanza cibo - l'inflazione annuale è ora del 138% - e la malnutrizione era diffusa.

Poi è arrivata la massiccia esplosione nel distretto portuale di Beirut l'anno scorso. Questo ha coinvolto il Fondo Monetario Internazionale, offrendo al Libano enormi prestiti se il sistema corrotto viene riformato, ma è probabile che il governo li respinga di nuovo. Se l'egoismo ostinato fosse un evento olimpico, la classe politica libanese vincerebbe l'oro.

Si sta avvicinando al limite. Giovedì scorso Hezbollah ha inscenato una protesta di massa a Beirut, chiedendo la rimozione del giudice che presiede l'inchiesta su chi è responsabile dell'importazione delle 2.750 tonnellate di fertilizzante che hanno causato l'esplosione del porto dello scorso anno. (Hezbollah è uno dei principali candidati per la colpa).

Quando la marcia è entrata in un quartiere cristiano, almeno un cecchino ha aperto il fuoco. Sette sciiti sono morti, e la folla (alcuni dei quali erano armati) ha cercato di prendere d'assalto i quartieri cristiani per rappresaglia. E ancora la classe politica libanese si rifiuta di piegarsi.

Allora perché questa classe politica assomiglia al capitano della HMS Victoria, la nave da guerra defunta che ha fatto un tuffo nel 1893? Perché l'ufficiale che comandava la flotta mediterranea britannica, il vice-ammiraglio Sir George Tryon, era uno degli uomini più testardi della storia.

Ordinò una manovra molto complessa in cui due linee parallele di corazzate avrebbero fatto inversioni a U simultanee l'una verso l'altra, finendo per andare nella direzione opposta ma con le linee parallele molto più vicine. E ha sbagliato la distanza.

Tutti gli altri sul ponte potevano vedere che le navi stavano effettivamente per scontrarsi, e molti di loro ne parlarono con Tryon, ma lui ignorò i loro consigli. Anche la nave che stava per speronarlo mise in dubbio i suoi ordini, ma lui perseverò. Così si scontrarono e l'ammiraglio affondò con la sua nave.

Pensate alla classe politica libanese come all'ammiraglio Tryon, e al paese come alla HMS Lebanon. Solo subacquei tecnici.